C’era una volta il negozio fisico…

Ovvero, come si modificano gli acquisti online nel tempo

Chiara, ventottenne appassionata di fashion, che compra prodotti online almeno 3 volte a settimana: ‘Di solito funziona così: vedo il mio ‘oggetto del desiderio’ mentre sto navigando da smartphone, sia tramite pubblicità, sia attraverso post di amici. A quel punto faccio subito una ricerca per confrontare i prezzi sui vari e-shop online. Lo schermo dello smartphone è comodo, ma il più delle volte finalizzo il mio acquisto su pc o da tablet. Ah, poi ovviamente ci sono quelle sere in cui sono a casa sul divano: se la televisione mostra una pubblicità con un prodotto interessante, non faccio altro che prendere il tablet, effettuare un rapida ricerca e acquistarlo. In fondo, basta un click!’.

Quella di Chiara non è l’esperienza isolata di una ragazza, ma accomuna almeno l’80% dei consumatori online.

Utente-PCParlando un pò di numeri, nel 2018 il valore degli acquisti online sta registrando una crescita che si aggira intorno al +15% rispetto al 2017 (raggiungendo i 27 miliardi di euro). Un terzo di tali acquisti online viene effettuato attraverso dispositivo mobile e, per alcuni brand, l’incidenza degli acquisti da questo device supera i due terzi. Fattori come la facilità di connettersi ovunque ad internet, la possibilità di condivere le proprie esperienze sui social, la realtà virtuale hanno fatto sì che i grandi brand mettano al centro della loro strategia digitale il mobile, fino a qualche anno fa poco, o per nulla, considerato.

Rispetto al passato, quindi, si assiste ad una omnicanalità che coinvolge tutti i device di un utente web italiano medio: pc, tablet, smartphone.

Ragazza-smartphoneL’omnicanalità è ormai al centro della strategia della maggior parte delle imprese, indipendentemente dal settore merceologico e dalla tipologia di prodotto. Ma declinare la strategia digitale a livello di device non è più sufficiente! Quello che la nuova tipologia di consumatore si aspetta è una integrazione tra il web e il mondo fisico: nasce l’onlife consumer! Le sfide per il futuro riguardano lo sviluppo di servizi di prossimità, consegne sempre più veloci, servizi di gestione Last Mile e il recapito attaverso droni e robot. In questo panorama in continua evoluzione, il negozio continua ad essere essenziale nel processo d’acquisto e il personale al suo interno dovrà acquisire la capacità di fare da collegamento tra il mondo digitale e quello fisico, mettendo al centro le informazioni sul prodotto e sulle sue disponibilità.

…c’era una volta il negozio fisico e continuerà sempre ad esserci!

Negozio

Fonte dei dati: Osservatori.net e Netcomm

Redatto da Elena di MyTDsocial

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.